domenica, Aprile 18, 2021
Home Blog

5 MINUTI PER COMPRARE SU EUROINGRO.COM

0

Euroingro.com Ingrosso Abbigliamento Online a Prato

Euroingro.com è la piattaforma online per la vendita di ingrosso abbigliamento e molti utenti ci chiedono come comprare su euroingro.com.
Il funzionamento è diverso dai nostri concorrenti, noi stringiamo Partnership commerciali con Aziende nel settore della moda che affidano i loro modelli a noi e applichiamo le nostre conosce in questo mondo, unito al marketing e la forza del nostro sito internet per la vendita nel mondo online!

Ingrosso Abbigliamento Online

Come sappiamo tutti, stiamo affrontando un periodo molto duro per colpa del COVID-19, che tutt’ora influisce sul business di ogni azienda, soprattutto di chi vende abbigliamento, calzature e accessori, in piccoli negozi o boutique di paese. Per questo Euroingro.com viene in soccorso di queste società, dandogli la possibilità di acquista ingrosso abbigliamento in piccole quantità con la possibilità di personalizzare ogni prodotto con il proprio marchio.

Quindi come posso comprare su Euroingro.com?

Innanzitutto devi registrarti su Euroingro.com, puoi anche seguire la guida sul nostro blog.
Quando avrai completato la registrazione, sei abilitato all’acquisto sulla piattaforma e puoi finalmente scegliere i prodotti per i tuoi clienti.

Iniziamo a cercare qualcosa alla moda:

Comprare su Euroingro.com Homepage Italiana
Homepage – Comprare su Euroingro.com

Sulla sinistra ci sono le categorie che compongono il sito internet, divisi in Abbigliamento e Calzature Uomo, Donna e Bambino, Accessori Indossabili, Beauty e Cosmetica, Elettronica di Consumo e altre Categorie.

Categoria Abbigliamento Donna di Euroingro.com

Avrai difronte subito gli ultimi prodotti caricati dai nostri Partner. Ti rendi subito conto dei colori disponibili e del prezzo, che però non comprende l’iva e le spese di spedizione.

Esempio articolo in Vendita.

Le modalità di acquisto variano in base alle decisioni del Partner. Questo completo, per esempio, è venduto a pacchi di minimo 2 pezzi. Il costo scritto è da considerarsi a prezzo singolo. Inserendo quindi la “QUANTITà PACCHI”, sarà possibile aggiungere al carrello la marce che si vuole acquistare.

Carrello con tutte le anteprime degli articoli che si sta per acquistare

In questa schermata puoi controllare il negozio di origine della merce che stai acquistando e la quantità stessa, insieme al prezzo e al peso della spedizione. Ricordati che ogni negozio avrà la propria spedizione e la propria spesa di contrassegno e trasporto.

Ultima schermata di Pagamento su Euroingro.com

Nell’ultima schermata potrai scegliere la modalità di pagamento disponibili. Attualmente disponiamo di Bonifico Bancario, PayPal o Carta di Credito/Debito e Contrassegno. Nei primi due casi, il pagamento sarà unico per tutto l’ordine, invece per il Contrassegno, di dovrà pagare 3€ per ogni Negozio, perchè le spedizioni partiranno da luoghi diversi.

Una volta completato tutto, ti consegneremo la merce in 24/48 ore con TNT e FEDEX, che sono i nostri corrieri Partner.

Su Euroingro.com arriva la Spedizione Gratis per i 300 negozi!

0
spedizione gratuita euroingro,com

QUESTO È IL PRIMO ARTICOLO DI QUESTO DIARIO DI BORDO RIGUARDANTE UNA BUONA PARTE I PENSIERI DEI NOSTRI PROGRAMMATORI, CHE SCRIVERANNO IN PRIMA PERSONA ALCUNE RIGHE E STORIE RIGUARDANTI LO SVILUPPO DEL SITO.

Spedizione Gratuita su Euroingro.com

Abbiamo finito la funzione per la spedizione gratis sul ingrosso abbigliamento, i nostri negozianti possono inserire una soglia di prezzo sopra la quale l’utente potrà avere la spedizione gratis. Per raggiungerla basta che il prezzo netto sia maggiore al valore inserito dal negoziante.

Spedizione gratuita al raggiungimento della soglia minima

Visto la novità della funzione, non tutti i negozianti hanno ancora aderito alla spedizione gratis su euroingro.com, ma stiamo già iniziando a vedere alcuni negozi che hanno già attivato la funzione, per esempio Uniko specializzato in ingrosso sciarpe.

Uniko, spedizione gratuita a partire da 400 euro

Restate connessi con Euroingro, Marketplace online all’ingrosso un nuovo design e funzioni interessanti per il consumatore digitale stanno arrivando !

Zain Ali – Dipartimento IT 15/02/2021

COME REGISTRARSI SU EUROINGRO.COM

0

Euroingro.com è il Marketplace online all’Ingrosso per commercianti e negozi online o fisici.
Grazie al noi fornitori possiamo offire al mercato, prezzi sempre competitivi e di tendenza all’ultima moda.

Per tutti è sempre difficile approcciarsi per la prima volta nell’acquisto online su un nuovo sito internet, ma con questa guida, passo passo, potrai completare l’ordine e rivendere i prodotti appena comprati!

Per prima cosa, colleghiamoci al sito internet euroingro.com.

Desktop

Mobile

Registrazione sul sito Euroingro.com

Nella modalità Desktop, in base al dispositivo utilizzato e browser installato (Noi raccomandiamo l’utilizzo di Google Chrome per la visualizzazione – Clicca qui per installare) troverai in alto a destra, la scritta “Registrati Gratis” cliccandoci, caricherà la seguente pagina.

Registrazione Modalità Desktop
Registrazione Modalità Mobile

Nel campo “USERNAME” puoi inserire un nome che ti contraddistingue oppure il tuo nome più il cognome. Ricordiamo che non è possibile inserire caratteri speciali intesi come punti di domanda (?), punti esclamativi (!) oppure punti normali (.) o spazi. Facciamo un esempio che può aiutarti, se ti chiamo Federico Rossi puoi inserire come “USERNAME” federicorossi e il tuo anno di nascita, quindi federicorossi1980. Ricordati inoltre, che se l’username è già stato scelto, non potrai usarlo e dovrai trovarne un altro.

Nel campo “E-mail” puoi inserire la tua email di lavoro, oppure una mail di rifermento, che usi spesso. Attenzione perchè, dovrai avere accesso a quella casella email, perchè ti arrirà da parte nostra una mail di conferma dell’account che hai appena creato.

Sotto troverai il campo “PASSWORD” ma ci saranno due campi da inserire, ma attento, per confermare il tuo account, dovrai inserire la stessa password per due volte.(Ti consigliamo l’uso di password sempre diverso, oppure di usare un generatore di password online, come Lastpass.)
Inoltre, la password da te scelta non deve essere uguale al tuo “USERNAME” sennò il sistema ti dirà, con un messaggio in fondo, accanto al tasto “REGISTRATI”

L’ultimo passo per questa parte, sarà cliccare le categorie che ti interessano per ricevere email e scontistica riservata e se hai rispettato tutti i consigli che ti abbiamo dato sopra, puoi cliccare il tasto “REGISTRATI”.

Verifica email di Euroingro.com
Verifica email di Euroingro.com

Ora dovrai recarti sulla tua casella email, che può essere l’applicazione sul tuo telefono, come Gmail, Hotmail, Libero ecc.. oppure sul tuo computer attraverso la pagina della tua email.
Una volta fatto entrato, vedrai come ultima email la nostra da parte di Euroingro.com. Ora dovrai cliccare il tasto arancione “CONFERMA IL TUO ACCOUNT” e sarai riportato direttamente sul sito Euroingro.com.

Email di Registrazione di Euroingro.com

La email ti avrà riaperto il sito internet di Euroingro.com dove dovrai ancora confermare il tuo account cliccando il tasto “CONFERMA”

Conferma email Desktop
Conferma email Mobile

Ora sei nella Homepage del sito internet di Euroingro.com già con il login effettuato, infatti in alto a destra vedrai il tuo “USERNAME” sotto l’icona del profilo. Sei finalmente un cliente Euroingro, o quasi. Ora per abilitarti per l’acquisto, devi inserire i dati di fatturazione personali o aziendali se sei un’azienda. Quindi, clicchiamo l’icona del profilo ed entriamo nella tua pagina privata.

COMPLETARE REGISTRAZIONE SU EUROINGRO.COM

Pagine profilo Euroingro.com

Ti troverai davanti a questa pagina e da qui potrai controllare tutti i prossimi ordini effettuati, gli ordini passati,quelli da pagare inoltre a resi e molto altro..
Ora, però non è il momento, completiamo la registrazione e iniziamo a comprare!

Clicchiamo quindi “IL MIO PROFILO” che è in alto della pagina, sotto alla email e al tuo “USERNAME” e si apri un popup con tutti i dati da inserire.

Popup Profilo Desktop di Euroingro.com
Popup Profilo Mobile di Euroingro.com

Qui con tanta attenzione dovrai inserire tutti i dati alla spedizione e fatturazione.
Prima di tutto possiamo inserire una foto profilo, cliccando “CARICA NUOVA FOTO”.
In seguito, dovrai specificare se vuoi comprare con P.IVA o con Codice Fiscale.
Poi nel campo “COGNOME” dovrai inserire il tuo cognome e nel campo “NOME” ovviamente il tuo nome.
Successivamente nel campo “RAGIONE SOCIALE” dovrai inserire la ragione sociale della tua società se sei un azienda e successivamente nel campo “PARTITA IVA”, la tua partita iva. Altrimenti procedi nel campo “CODICE FISCALE” inserendo qui il tuo codice fiscale, che puoi anche generare online.
Ancora più sotto, dovrai inserire il tuo indirizzo di spedizione selezionando lo stato, la provincia la città, il tuo indirizzo, il cap e un nominativo per la consegna dei pacchi.
Quindi sei quasi alla fine, se sei un’azienda, dovrai inserire il tuo codice univoco nel campo “TIPOLOGIA CODICE” se sei un privato invece non serve e puoi saltare questo punto.

Finalmente puoi inserire il tuo numero di telefono Fisso e Cellulare in modo da essere contattato in caso di bisogno o aiuto e cliccare il tasto “CONFERMA DATI”

Se hai letto e seguita tutta la nostra guida, potrai comprare abbigliamento all’ingrosso e molto altro sul sito Euroingro.com!

Successivamente vedremo come fare un ordine e pagarlo in assoluta velocità e Sicurezza.
Grazie mille e buoni acquisti!

MARKETING B2B

0

Il marketing B2B o Marketing industriale è una disciplina che ha per oggetto gli scambi di beni e servizi tra organizzazioni. Praticamente, si tratta di imprese che vendono ad altre imprese. Gli acquirenti possono essere imprese, società o enti che utilizzano bene e servizi che vengono trasferiti a loro volta a terzi. Il percorso che il prodotto compie verso il fruitore finale incontra degli intermediari che ne determinano le sorti sul mercato. L’obiettivo della comunicazione industriale (B2B) è quello di raggiungere risultati di vendita e di posizionamento sul mercato.

Gli elementi che caratterizzano il Marketing B2B 

Il marketing B2B deriva da quello B2C ma applica strategie differenti. Il primo (B2B) equivale all’espressione “Business to Business”, ovvero il commercio tra due realtà di business, aziende, enti pubblici o professionisti che siano; il secondo (B2C) corrisponde all’espressione “Business to Consumer”, ovvero al rapporto di commercio che si instaura tra una realtà “commerciale” ed un consumatore. Vediamo quali sono gli elementi che li differenziano.

Chi e quanti sono i potenziali clienti del B2B

Mentre nel marketing dei beni di consumo  l’acquirente è il consumatore finale nel Marketing B2B il target al quale ci si rivolge è un gruppo ben preciso di persone che fanno scelte per conto dell’azienda per cui lavorano e che quindi valutano tutte le informazioni a loro disposizione. Tra queste qualità, costo, affidabilità, servizio.  Contrariamente a quanto avviene nell’azienda che produce prodotti di largo consumo e che quindi può avere milioni di clienti, qui invece avremmo anche fare con una clientela molto ridotta, a volte di qualche decine di clienti.

La durata della rapporto tra le aziende nel Marketing B2B

Il rapporto tra fornitore e cliente è fondamentale; deve esserci una forte collaborazione che permetta lo scambio di informazioni adeguate. Per un impresa che opera in questo campo è essenziale stringere, mantenere e sviluppare network di relazioni in un’ottica di lungo periodo. Mentre nei prodotti di largo consumo il cliente è spesso infedele perché è facile cambiare con un prodotto della concorrenza, qui invece un prodotto della concorrenza richiede gli stessi lunghi processi decisionali di acquisto che possono comportare anche mesi prima di essere implementate.

La comunicazione nel B2B

Le Caratteristiche principali della Comunicazione B2B:

  • Comunicazione selettiva non di massa
  • Comunicazione informativa e non aggressiva
  • Comunicazione che si basa su motivazioni razionali e non emozionali

La comunicazione nel B2B è di tipo razionale e informativa più che emozionale. La comunicazione in questo tipo di imprese prepara il campo alla forza di vendita, creando o rafforzando l’immagine positiva per l’impresa e ottenendo un clima di fiducia presso il target in grado d’influenzare la decisione di acquisto. Nei mercati industriali la domanda dipende dalla domanda dei prodotti dell’impresa acquirente quindi la strategia deve considerare non solo l’intermediario ma anche il cliente e utente finale.  Le decisioni da parte dell’acquirente vengono prese con razionalità perché l’acquisto nasce da reali esigenze.  Gli acquirenti, come abbiamo già detto, sono persone preparate e specializzate che si pongono come obiettivi il conseguimento di qualità e redditività e riduzione del rischio.

Gli obiettivi principali sono quello di sviluppare una reputazione positiva e raggiungere influenzatori e i decisori oltre che stimolare la domanda derivata. Si parla di domanda derivata perché bisogna tener conto non solo delle esigenze dirette dell’impresa con cui ci si relaziona ma anche del consumatore finale.

Strumenti utilizzati

Uno dei strumenti più utilizzati nel Marketing B2B è la pubblicità. A differenza di quella che si utilizza nella comunicazione B2C ossia comunicazione di massa , qui deve essere informativa, razionale e deve supportare la consapevolezza dell’azienda e dei suoi prodotti.  Un altro strumento utilizzato sono le relazioni pubbliche che permettono di gestire i rapporti con i pubblici che influenzano per vie traverse oltre che le promozioni che servono per dare impulso alle vendite.  Il direct marketing invece è utile per raggiungere un target qualificato e ottenere una reazione immediata e misurabile.

B2B Marketing: punti chiave per una strategia di successo

0

Cos’è il B2B Marketing? Ne hai sentito parlare più volte, ma non sai nello specifico di cosa tratta oppure sei un business e vorresti trovare più spunti sulle strategie da utilizzare? In quest’articolo spiegherò i punti fondamentali riguardanti questo tipo di marketing, cercando di dare suggerimenti o possibili tattiche in particolare per quello che concerne il mondo online

B2B Marketing: cos’è e significato

La traduzione della parola B2B è Business to Business ovvero il marketing che riguarda la vendita di prodotti o servizi tra aziende, organizzazioni oppure enti pubblici. Al contrario, il B2C marketing si focalizza sulle attività commerciali inerenti i consumatori. 

Per fare B2B marketing è fondamentale avere bene in mente il target di riferimento verso il quale avverrà la comunicazione. Come primo fattore è importante delineare che le motivazioni che muovono i clienti sono più di natura razionale rispetto ad emozionale, come invece avviene nel B2C. Di conseguenza, la maniera di comunicare verso i potenziali acquirenti deve essere più dettagliata, deve avere scopo informativo ed essere sostenuta anche da informazioni di natura economica. Quindi non deve essere aggressiva e creativa, ma deve focalizzarsi sulle proprietà e le caratteristiche del prodotto. Per questo motivo bisogna tenere ben a mente nel presentarlo che ci si sta rivolgendo in primo luogo ad un altro business e secondariamente ad un consumatore finale del prodotto (ossia la domanda di natura derivata). Infatti il processo decisionale d’acquisto dipende raramente da un unico individuo ma è sovente valutato da più persone.

Quindi nel B2B marketing è basilare investire nel rapporto personale con il cliente, considerando che si ha a che fare con un certo numero limitato di business invece che una ampia massa di consumatori. Per questo bisogna puntare a creare un clima di fiducia e positività, dov’è possibile scambiare informazioni in maniera trasparente, siccome gran parte degli acquisti ha natura a lungo termine. Tutto sul Digital Marketing

Strategie di marketing B2B 

Digital Marketing B2B

È importante per un’azienda che opera in un mercato B2B, per non sprecare energie e risorse in strade improduttive, attuare strategie per arrivare ai propri obiettivi. Prima di creare queste strategie è fondamentale partire analizzando la situazione iniziale dell’azienda, aiutandosi magari con l’analisi SWOT, per aver presenti i punti di debolezza, di forza, le opportunità e le minacce, così da poterci lavorare sopra. Potrebbe rivelarsi altrettanto vantaggioso studiare un po’ i competitors per capire meglio come si sta muovendo il mercato. 

Dopodiché è utile focalizzarsi su alcuni punti tattici per far sì che il piano marketing attuato dal business sia il più efficace possibile.

Obiettivi e KPI

È fondamentale per l’azienda porsi degli obiettivi da rispettare nel breve, nel medio o nel lungo periodo ed assieme stabilire dei KPI (Key Performance Indicator), ovvero un insieme di metriche da utilizzare per misurare la performance dei processi aziendali. Nel caso di un business che vuole fare B2B marketing è interessante monitorare KPI come il costo per lead, il ROI, il rapporto tra il volume del traffico e i lead generati ed il numero di conversioni. È necessario, per questi ultimi due punti elencati, che l’azienda abbia un ottimo sito web, canale di marketing indispensabile per operare in un mercato B2B. 

Partendo dalla prima, ossia il costo per lead, è importante precisare che la lead è un visitatore del sito che ha cliccato sulla call to action presente sulla pagina (per esempio compilando un form), diventando così un contatto per l’impresa. È basilare riuscire a monitorare, in tutti i canali attivi dell’azienda, quant’è il costo per generare un nuovo contatto. 

Il secondo KPI è il ROI (return on investment) ovvero il ritorno economico che il business ha per quanto riguarda i suoi investimenti. Nel caso del B2B marketing serve per capire effettivamente quanto il capitale che è stato investito in campagne ADV ritorna in termini di reddito guadagnato. 

Il terzo parametro è il rapporto tra il volume del traffico (presente sul sito) e i lead generati, ovvero misurare, tra tutte le persone che visitano il sito aziendale generando traffico, quante alla fine si tramutano in nuovi contatti. È necessario capire come migliorare e aumentare questo indicatore in maniera da avere nello step seguente un vasto numero di contatti da poter coltivare e trasformare in effettivi clienti. 

Canali marketing e Advertising  

Dopo aver studiato e definito il target è importante capire tramite quali canali raggiungerlo. Potrebbe risultare utile porsi delle domande per capire meglio le preferenze dei potenziali clienti sia online che offline. Ovvero l’azienda dovrebbe domandarsi: dove e come si muovono online i potenziali acquirenti quando cercano informazioni? Che domande fanno ai motori di ricerca? Quali social network preferiscono? Quali tipi di eventi/fiere frequentano? 

Un elenco dei principali canali attraverso i quali fare B2B marketing: 

SEO (Search Engine Optimization): è l’ottimizzazione del posizionamento di un sito web sui motori di ricerca. Grazie alle tecniche SEO si può far sì che il sito dell’azienda appaia tra i primi risultati di Google. È una soluzione che lavora sulla parte organica, quindi non a pagamento. I risultati sono visibili a medio-lungo termine. L’obiettivo è quello di avere maggiore visibilità e aumentare il traffico sul proprio sito web.

Social Media: al contrario di quello che si pensa, l’utilizzo dei social network è vitale anche per un’azienda che fa B2B marketing al giorno d’oggi. È rilevante e può fare la differenza scegliere quelli più adatti attraverso i quali comunicare per raggiungere il pubblico definito. Le piattaforme social rappresentano un buon escamotage per raggiungere i potenziali nuovi clienti e per mantenersi costantemente in contatto con quelli già esistenti. Data l’importanza della tematica, ne parleremo più approfonditamente nel paragrafo seguente.

E-mail: è indubbiamente uno degli strumenti più datati del marketing ma sicuramente molto valido perché diretto. Il DEM (Direct Email Marketing) permette di inviare messaggi di posta elettronica interagendo sia con i clienti effettivi, che potenziali. È importante fare DEM anche per rimetterci in contatto con clienti datati, per tenere informato il nostro pubblico riguardo ai nuovi prodotti/servizi o semplicemente per fare brand awareness. Infatti è rilevante per chi fa e-mail marketing personalizzare e diversificare la mail in base all’obiettivo per il quale stiamo scrivendo al cliente.

Content Marketing: è la creazione e la condivisione di contenuti mirati ad attirare il target di riferimento, aiutando l’azienda ad arrivare ai propri obiettivi. I contenuti possono essere di diverse tipologie come foto, immagini, video oppure e-book, articoli, guide. In base alla campagna marketing, un business può pubblicare contenuti che hanno funzionalità diverse. Le principali hanno come scopo quello di informare, educare ed infine di stimolare l’interazione dell’utente. La prima fornisce indicazioni, notizie, dati. La seconda spiega al cliente l’utilizzo del prodotto/servizio servendosi per esempio di materiale come video tutorial, tools oppure risorse scaricabili. La terza mira a coinvolgere il cliente usando ad esempio contest, dibattiti oppure facendo semplici sondaggi. 

B2B marketing strategy

Digital marketing per un’azienda B2B 

Come abbiamo visto nei paragrafi precedenti, anche per le aziende business to business è diventato necessario avere una presenza online attiva e ben strutturata attraverso i vari canali media. Sicuramente il sito web rimane uno degli strumenti più importanti per far conoscere il proprio business e trovare nuovi clienti, ma non è da sottovalutare il ruolo che ormai hanno i social all’interno della società. Questo paragrafo infatti si focalizzerà su un ramo ormai imprescindibile del digital marketing ovvero i social network

Ormai i social network hanno cambiato in gran parte la maniera di comunicare, per questo per le aziende è opportuno capire come gestirli al meglio. Uno degli scopi più importanti rimane sicuramente quello di instaurare attraverso le piattaforme social un rapporto più stretto sia con i potenziali clienti che con i consumatori finali del prodotto/servizio. In questa maniera si rendono più partecipi le persone riguardo alle attività inerenti la vita dell’azienda e, allo stesso tempo, si crea consapevolezza del marchio. Inerente a quest’ultimo punto è cruciale sottolineare che i contenuti postati devono avere uno scopo informativo sia a livello educativo sia a livello di brand identity

Le piattaforme social più adatte per un’azienda B2B sono:

LinkedIn: è il social network dedicato al mondo del lavoro. Per questo motivo è essenziale per un’azienda che ha come potenziali clienti altri business avere una sua pagina all’interno della piattaforma. Una volta che la pagina è stata creata, bisogna popolarla di contenuti pertinenti ovvero materiale sul prodotto/servizio erogato. È strategico farlo attraverso news, articoli, video o mostrare di aver partecipato ad eventuali fiere, congressi. In questa maniera si crea negli utenti la percezione che l’impresa è esperta del settore nel quale opera e quindi si acquisisce una certa autorevolezza dei contenuti. Da non sottovalutare sia a livello comunicativo che di immagine è il fatto che la brand identity su questo social network viene creata anche dall’insieme dei profili delle persone che lavorano al suo interno. LinkedIn è anche un potente strumento per la ricerca attiva di potenziali clienti e per raggiungere in maniera diretta il proprio target. Durante le campagne (tramite LinkedIn ads)  è possibile applicare dei filtri nei quali si seleziona l’audience ed è possibile targettizzare in base a collegamenti, dimensioni (raggiungi le persone in base alle dimensioni della ditta nella quale lavorano), follower, nomi (selezionando gli utenti che lavorano per un determinato brand) e settori (raggiungendo chi lavora in un determinato settore) dell’azienda. 

Facebook: ha un bacino di utenza talmente elevato che sarebbe un errore escluderlo in un piano marketing. È importante per l’azienda avere una sua pagina su questa piattaforma in maniera tale da creare un apposito piano editoriale pubblicando periodicamente e mantenendo viva la sua presenza online. L’utilità di Facebook per una ditta B2B è di cercare attraverso i suoi contenuti e lo storytelling di trasformare un utente interessato, che segue le attività del business, in un potenziale cliente. Oppure cercare di raccogliere nuovi contatti, aumentare le interazioni e fidelizzare il pubblico sempre attraverso contenuti avvincenti sia dal punto di vista informativo che relazionale, mostrando anche le persone che sono “dietro” al prodotto/servizio, che lavorano ogni giorno per migliorare l’azienda. 

Twitter: è il social più utilizzato per tenersi aggiornati su quello che succede nel mondo in tempo reale. Sono diversi i motivi per il quale è importante per un business avere un profilo su questo social network: tra i primi il fattore networking ovvero la possibilità di sostenere conversazioni comuni con utenti che non sono necessariamente della propria rete. Essendo una piattaforma nella quale le persone esprimono tramite un tweet i loro pensieri e opinioni grazie a Twitter è possibile fare un’attività di monitoraggio dei pareri riguardanti il nostro business (compresi i competitors).  

Strategie di Marketing sul 2020

0

Sebbene il marketing B2B sia spesso stato all’ombra del B2C, negli ultimi anni è avvenuta un’inversione di rotta. Il mondo B2B sembra ormai aver riconosciuto l’importanza che la customer experience, servizio storicamente trascurato, oggi invece ripaga ampiamente in termini di successo.

Negli Stati Uniti ad esempio gli e-commerce B2B sono già diventati due volte più grandi rispetto ai B2C e la stessa tendenza si sta affermando sempre più anche a livello internazionale. Ma quali sono le strategie di marketing che si nascondono dietro al successo delle moderne aziende B2B? Scopriamole insieme.

Strategie di marketing B2B e social media

L’uso dei social media ha ricoperto un ruolo estremamente importante per le aziende che operano nel B2C, perché ha concesso loro l’accesso ad una base di clienti enorme. Negli ultimi anni, tuttavia, le potenzialità di questi canali non sono sfuggite alle aziende del B2B le quali hanno iniziato ad utilizzarli in modo sempre più assiduo. Ma oltre ad essere una vetrina per l’azienda, i social media rappresentano un ottimo modo per entrare in contatto con i potenziali clienti e mantenere una comunicazione diretta con quelli già esistenti.

Dietro a un profilo social aziendale di successo, si nasconde una strategia di marketing ben pianificata a cominciare dalla corretta comprensione del buyer’s journey, sino ad arrivare alla creazione di un profilo in grado di invogliare i prospect ad entrare in contatto con l’azienda.

LinkedIn e le strategie di business B2B

Rimanendo in tema social network, LinkedIn, il primo network internazionale dedicato ai professionisti, è risultato essere il più grande strumento di marketing per le aziende B2B, infatti, l’80% dei contatti generati provengono proprio da LinkedIn, mentre da Twitter e Facebook circa il 12,7% e il 6%.

Inizialmente LinkedIn era stato creato come strumento per rimanere in contatto con colleghi e partner commerciali, tuttavia nel tempo la sua funzione si è modificata fino ad includere la lead generation grazie ai collegamenti con le imprese.

Mantenere un profilo LinkedIn attivo, creando e condividendo contenuti di qualità, si è dimostrata essere una strategia che, non solo riesce a generare contatti, ma è in grado di costruire forti relazioni con i potenziali clienti. 

I contenuti nelle strategie di marketing B2B

Creare contenuti mirati e di qualità è un’altra strategia di marketing B2B di successo. Anche in questo caso, si tratta di una tecnica nata nel mondo B2C, ma sempre più aziende B2B l’hanno riconosciuta come uno tra i fattori più importanti per la lead generation. Questo perché aiuta a connettersi, educare e migliorare l’immagine della propria azienda e di conseguenza ad attrarre i potenziali clienti.

Il content marketing, se utilizzato in modo corretto e con una buona strategia di partenza, può essere un ottimo strumento per orientare le decisioni di acquisto, oltre a consolidare la brand awareness.

Personalizzazione dei contenuti

Così come è importante per un’azienda dimostrare la propria unicità in un mercato sempre più concorrenziale, grazie ad esempio ad un branding creativo ed efficace, allo stesso modo è importante riconoscere l’unicità di ogni cliente che in esso si traduce in maggiore soddisfazione.

Nel B2B la personalizzazione può essere applicata in differenti modi tra i quali l’email, le landing page del sito web o i già citati canali social.

I risultati finali di una buona strategia di contenuti personalizzati includono tassi di conversioni più alti oltre a una maggiore fidelizzazione del cliente

Strategie di Email Marketing B2B

Più del 70% dei marketer considera l’email marketing una strategia fondamentale per mantenere una comunicazione chiara, diretta e concisa con i clienti. Ad esempio, si può utilizzare la posta elettronica per informare lead e clienti sui prossimi webinar o perché è importante per l’azienda aderire ad un determinato evento e quali vantaggi ne comporta. Ovviamente l’email marketing è un’ottima strategia anche per entrare in contatto con i potenziali clienti, tenendo in considerazione alcuni fattori se si vogliono avere buoni click-through rate e open rate.

Il mobile nelle strategie di digital marketing B2B

In ultimo, ma non meno importante, nelle migliori strategie di marketing B2B è necessario includere anche l’ottimizzazione del sito web per i dispositivi mobile.

Questa strategia è spesso presa poco in considerazione dalle aziende, tuttavia il volume di traffico generato dagli smartphone/tablet aumenta costantemente. Basti pensare che, già da metà del 2015, Google ha comunicato che vengono fatte più ricerche sul suo motore di ricerca da Mobile.

Non avere un sito ottimizzato per i dispositivi mobile riduce quindi notevolmente le possibilità per le aziende di entrare in contatto con un nutrito numero di potenziali clienti. Non offrendo una navigazione internet fluida, si dirotta infatti l’attenzione degli utenti mobile verso altri siti facilmente consultabili da smartphone.

Close Bitnami banner
Bitnami